Licei: i passaggi di stato diventano compiti di realtà

Licei: i passaggi di stato diventano compiti di realtà

Esperienze di apprendimento per gli studenti della scuola secondaria di II grado

La didattica ignaziana prevede sequenze precise, che la aprono alla sperimentazione costante e alla laboratorialità.

Questo è un tratto caratteristico della nostra scuola.

L’azione (Actio) rappresenta uno dei passaggi di questa sequenza e costituisce una validazione del processo di apprendimento ed educativo.

“L’amore si deve dimostrare più nelle opere che nelle parole”, diceva s. Ignazio nei suoi Esercizi Spirituali (Es. sp., n.230). 

Alla fine  degli esercizi, e analogamente del percorso scolastico, Ignazio propone di curare in modo particolare l’approdo alla vita concreta e alle sue scelte, maturate durante il percorso.

Questo dà corpo a un ideale di scuola che si apre alla realtà e prepara a vivere da uomini e donne.

L’azione, nella nostra visione pedagogica, è la fase di approdo del processo di apprendimento nella quale l’alunno/a è in grado di esprimere atteggiamenti e comportamenti nuovi (abilità, competenze, condotte).

 

E’ per tale motivo che uno degli strumenti utilizzati nei nostri licei sono i  “compiti di realtà” .

Per compito di realtà si intende la richiesta rivolta allo studente di risolvere una situazione o affrontare un tema,  quanto più possibile vicino al mondo reale, utilizzando conoscenze e abilità già acquisite (durante la lectio) e trasferendo procedure e condotte cognitive in contesti e ambiti connessi alla propria quotidiana realtà.  

Un compito reale può essere dunque, uno spazio privilegiato in cui le conoscenze e le abilità possono essere praticate, osservate, valutate e incrementate.

Diventa una occasione in cui lo studente può crescere nell’autonomia e nella responsabilità, diventando reale protagonista del proprio apprendimento.

Compito di realtà sui “Passaggi di Stato”

Qualche giorno fa i nostri studenti di primo anno dei licei hanno ricevuto, dal loro prof. di Scienze Francesco Cacciabaudo, la consegna di un compito di realtà.
Nei video che seguono alcuni di loro (Rosalba Sinatra, Beatrice Gerbino, Olivia Adamo) ci presentano “I passaggi di stato”, in un modo del tutto originale.
Visione? Consigliatissima!
Bravi ragazzi!

Passaggi di Stato Maria Beatrice Gerbino – I Stem

Passaggi di stato -Olivia Adamo I Scientifico

Passaggi di Stato – Rosalba Sinatra -I Classico

Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO) 2020-21

Ripartono i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento PCTO (ex alternanza scuola lavoro).

La normativa dice che essi “possono proseguire, nel rispetto delle prescrizioni sulla distanza interpersonale, sull’uso dei dispositivi di protezione individuali e sull’igiene delle mani e delle superfici, nonché dei protocolli riguardanti lo specifico settore produttivo”.
Vi presentiamo dunque i  diversi PTCO che la scuola offre ai ragazzi, in presenza per gli alunni del III anno dei licei e a distanza per gli altri.
Una parte dei PCTO è per scelta del Campus dedicato ad attività di tipo sociale. Questo corrisponde nella tradizione della Compagnia a quelli che sono chiamati “servizi sociali o educazione al servizio o programmi di azione sociale”, considerati obbligatori in una progettualità ignaziana per aprire la mente ed il cuore dei ragazzi alla dimensione del servizio.
In questo tempo di pandemia il rischio di tutti è quello di non renderci conto delle sofferenze del mondo. Paradossalmente questo innaturale isolamento che stiamo vivendo porta a non vedere più le situazioni che ci circondano e questo vuol dire non lasciarsi più toccare, mettersi in crisi o in discussione dalle ferite del mondo.

La nostra scuola ha sempre cercato di far aprire gli occhi ed il cuore ai nostri ragazzi su queste dimensioni.

Per questo abbiamo scelto di mantenere questa quota di PTCO aperta al sociale.

Per conoscere tutte le proposte per il nuovo anno clicca qui >>Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento 2020-2021