I profili ricercati per le sedi di Servizio Civile del Gonzaga

I PROFILI RICERCATI

per le sedi di Servizio Civile del Gonzaga di via Piersanti Mattarella 38/42- Palermo

Per le attività che i volontari dovranno svolgere nelle sedi del Gonzaga (via Piersanti Mattarella, 38/42), come previsto dai progetti “Art Inclusive” , “Il Villaggio dell’Educazione“, “Gener-Azioni al Sud si ricercano candidati (18-28 anni) che abbiano competenze o esperienze nei seguenti ambiti:

  • Educazione (educatori, pedagogisti, assistenti alla comunicazione …).
  • Psicologia (triennale o con specializzazione in : età evolutiva, disabilità, orientamento scolastico e professionale, lavoro e organizzazioni).
  • Animazione (gestione di attività ludiche e ricreative per bambini dai 3 ai 13 anni; animazione e gestione di gruppi di adolescenti dai 14 ai 18 anni o di gruppi giovani dai 18 ai 30 anni).
  • Sport (allenatori o atleti con esperienza nelle seguenti, o in altre, discipline sportive: calcio, basket, pallavolo, tennis, ginnastica ritmica, scacchi).
  • Arti (musicisti, attori, pittori, creativi, studenti o laureati all’accademia di belle arti..).
  • Informatica e Tecnologie (gestione di software e hardware).
  • Lingue (in possesso di certificazioni linguistiche di inglese – almeno livello B1 –   e di una buona padronanza nell’uso orale e scritto della lingua, soprattutto per chi intende candidarsi per la sede “International School Palermo – Codice sede: 151991).
  • Patrimonio culturale (esperienze o competenze maturate nella cura del patrimonio librario delle biblioteche o nell’ambito della valorizzazione del patrimonio storico- artistico della città).
  • Comunicazione (comunicazione digitale, gestione siti web, social media manager, giornalismo, fotografia, videomaking, ideazione e progettazione grafica).
  • Progettazione sociale e scolastica (elaborazione e gestione di progetti educativi, scolastici e sociali).
  • Patente di guida (B)

Attitudini e Competenze Trasversali: propensione al sociale e ai suoi valori (solidarietà, legalità, cittadinanza attiva), voglia di investire su se stessi e di scommettersi con il Gonzaga, spirito di iniziativa, capacità di lavorare in team, conoscenze informatiche e linguistiche.

Non cerchiamo persone perfette e sappiamo bene che il “candidato ideale” non esiste. Tuttavia il possesso delle esperienze o competenze elencate (anche solo di alcune, non di tutti certamente) costituisce certamente un vantaggio per chi intende candidarsi. Precisiamo che, qualora esistano le giuste motivazioni, le competenze che si rendono necessarie per lo svolgimento dei vari servizi possono anche essere perfezionate (o, se ce ne sono le basi, anche acquisite) durante il periodo di servizio civile con l’affiancamento degli operatori dell’ente.

Le persone interessate a presentare domanda sono invitate ad inviare il proprio curriculum, unitamente ad una breve lettera di presentazione nella quale indicare, tra quelle richieste, le motivazioni e le competenze in base alle quali ci si intende candidare, scrivendo all’indirizzo e-mail:  serviziocivile@gonzagapalermo.it

Saranno ricontattate e invitate a partecipare ad un incontro in cui verranno fornite tutte le informazioni e i chiarimenti che possono tornare utili per una corretta presentazione dell’istanza.

Le sedi per le quali si ricercano volontari con una o più competenze/esperienze sopra specificate, nello specifico sono le seguenti:

PROGETTO “ART INCLUSIVE”

Denominazione e codice ente (SU00069) Sede Codice Sede
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola dell’Infanzia 151987
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola Primaria 151988
Istituto Gonzaga –Centro Educativo Ignaziano Scuola Secondaria di Primo Grado 151989
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola Secondaria di Secondo Grado 151990
Istituto Gonzaga –Centro Educativo Ignaziano International School Palermo 151991

 

PROGETTO “IL VILLAGGIO DELL’EDUCAZIONE”

Denominazione e codice ente (SU00069) Sede Codice Sede
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola  dell’Infanzia 151987
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola Primaria 151988
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola Secondaria di Primo Grado 151989
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano Scuola Secondaria di Secondo Grado 151990
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano International School Palermo 151991
Istituto Gonzaga –Centro Educativo Ignaziano Biblioteca 151992
Polisportiva CEI – A.S.D.C. Polisportiva CEI – A.S.D.C. 151994

 

PROGETTO “GENER-AZIONI AL SUD”

Denominazione e codice ente (SU00069) Sede Codice Sede
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano MEG Palermo 151993
Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano CVX LMS 152012

La rete del Gonzaga seleziona 84 volontari per il Servizio Civile Universale

Opportunità formative, economiche e di partecipazione per i giovani in Sicilia

Persone tra i 18 e i 28 anni svolgeranno per un anno, a Palermo e Catania, attività educative, di assistenza, di animazione culturale dei giovani e dei migranti. Le domande entro l’8 febbraio; previsto un rimborso mensile di 439,50 euro

PALERMO. In Sicilia, una rete di enti non profit, coordinata dall’Istituto Gonzaga dei Padri Gesuiti, potrà selezionare 84 giovani volontari da impiegare in progetti di Servizio civile universale, con una remunerazione mensile, da suddividere in 4 progetti. La rete è costituita, oltre che dal Gonzaga, dall’Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe (attivo dal 1958 nei campi della formazione, della promozione culturale e degli studi sociali), dal Centro Astalli Palermo (dal 2003 in prima linea nella difesa dei diritti, nell’integrazione e nell’inclusione di immigrati extracomunitari rifugiati e richiedenti asilo), dalla Polisportiva Gonzaga (che dal 1979 offre a bambini e giovani numerose attività sportive dilettantistiche), dall’ Associazione Arces (dal 1976 istituzione di eccellenza nel supporto alle Università per quanto attiene all’offerta residenziale, ma, soprattutto, per il suo progetto formativo che prevede un modello interdisciplinare ed interventi integrativi e di accompagnamento allo studio), dalla cooperativa sociale Al Azis (nata nel 1998 per promuovere, nell’ambito dell’operatività del Centro Polivalente TAU, processi di orientamento, formazione professionale e inserimento socio-lavorativo soprattutto a vantaggio dei giovani a rischio di coinvolgimento in attività criminose e di esclusione sociale) e dalla cooperativa  Parsifal (che dal 2001 è impegnata nella costruzione di progetti e attività a favore delle fasce più deboli della popolazione nelle periferie di Palermo).

I 7 enti della rete, con l’unico obiettivo di mettersi al servizio della comunità siciliana e dei giovani in modo nuovo e creativo, metteranno complessivamente a disposizione 23 sedi (attualmente tutte in Sicilia, a Palermo e Catania) per accogliere 84 giovani volontari. Di questi, 45 giovani saranno selezionati per fare un’esperienza significativa nel settore dell’educazione formale ed informale, anche in diverse lingue, avendo come destinatari privilegiati i minori e i giovani della Scuola italiana e dell’International School del Gonzaga Campus.

Cos’è il Servizio Civile Universale

Il Servizio Civile Universale è l’opportunità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 29 anni non ancora compiuti, di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale.

Si tratta di una bella opportunità che consente di prestare un’arricchente esperienza di volontariato della durata di un anno, permette di acquisire competenze spendibili nella vita e per l’inserimento nel mondo del lavoro mediante un tutoraggio e una formazione specifica, matura crediti formativi universitari e un punteggio valido nei concorsi pubblici, è riscattabile ai fini pensionistici, prevede una remunerazione mensile (439,50 euro) e la certificazione delle competenze acquisite.

Da qualche giorno il Dipartimento nazionale per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale ha emanato il nuovo bando per la selezione di volontari da impiegare in progetti di Servizio civile universale (scadenza 8 febbraio 2021, ore 14).

 

I 4 progetti per i quali candidarsi

Due dei quattro progetti della rete (“Cittadini CreAttivi” e “Accoglienza, Orientamento, PartecipAzione”), finanziati con il bando ordinario, hanno anche una riserva di posti dedicati ai giovani con minori opportunità, che hanno un basso reddito (Isee pari o inferiore a 10 mila euro).

Per gli altri due progetti (“Tutti Inclusi” e “Animare Educando”) finanziati con Garanzia Giovani, è necessario, oltre al requisito dell’età, essere disoccupati e in possesso della Did (Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro).

Le attività in cui i volontari saranno coinvolti sono di varia natura: attività educative, di tutoraggio scolastico, di supporto all’apprendimento dei bambini con bisogni educativi speciali, attività ludiche, ricreative, sportive, artistiche, culturali, interculturali e di comunicazione sociale.  E ancora animazione culturale e orientamento e accompagnamento lavorativo dei giovani, inserimento e integrazione dei migranti, conservazione del patrimonio artistico e cura delle biblioteche.

I progetti sono parte di due ampi programmi di intervento che rispondono agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e sono realizzati anche in collaborazione con l’Istituto Don Calabria che, da anni, opera a Palermo e in tutto il territorio nazionale, negli ambiti dell’educazione e dell’assistenza.

Nella sezione dedicata al Servizio Civile del sito del Gonzaga Campus  e sui siti dei vari enti della rete è possibile conoscere in modo dettagliato il bando, le modalità di presentazione della domanda, consultare le schede sintetiche di tutti i progetti con le sedi e le attività previste in ogni sede e conoscere i criteri di selezione.

 

Come presentare la domanda

La domanda di partecipazione va presentata esclusivamente con lo SPID attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite pc, tablet e smartphone, all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it  dove, attraverso un semplice sistema di ricerca con filtri, è possibile scegliere il progetto per il quale candidarti.

Per trovare i progetti della rete del Gonzaga basterà inserire nel format “Scegli il tuo progetto in Italia”, la regione “Sicilia” e l’Ente “Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano” codice ente SU00069.

La rete suggerisce ai giovani che desiderano presentare domanda di comunicarlo prima possibile, inviando il curriculum firmato all’indirizzo serviziocivile@gonzagapalermo.it Saranno invitati a partecipare ad una riunione on line, nella quale verranno presentati tutti i progetti e forniti tutte le informazioni e i chiarimenti che possono tornare utili ad una corretta compilazione della domanda e alla scelte della sede più idonea.

 

Il commento di padre Denora, direttore generale del Gonzaga, e coordinatore della rete

«Il Servizio Civile Universale rappresenta una straordinaria opportunità di crescita per i giovani della nostra amata terra siciliana: quelli che saranno gli attori del servizio e quelli che ne sono i beneficiari, bambini e ragazzi in crescita”, afferma padre Vitangelo Denora SJ, direttore generale del Gonzaga Campus e responsabile e coordinatore della rete. “ Per questo – continua – abbiamo pensato di individuarci come rete “Con il Gonzaga Per i giovani In Sicilia”.

Fare il Servizio civile universale con la rete del Gonzaga in Sicilia, è una ulteriore opportunità che vogliamo offrire in questo tempo di particolare difficoltà, per un nuovo modo di abitare il nostro mondo e la nostra regione favorendo la crescita umana, culturale e professionale degli adolescenti e dei giovani, e contrastando così la perdita di senso della vita, la sfiducia nel futuro, la crisi del senso di appartenenza alle città e la conseguente fuga dei cervelli verso altre realtà. Insieme vogliamo sognare un mondo nuovo mediante azioni di cittadinanza attiva, di solidarietà sociale, di orientamento professionale, offrire ai giovani la possibilità di diventare ‘autori’ di un originale  e personale progetto di vita e di riconoscersi cittadini attivi del nostro territorio, capaci di diventare agenti di cambiamento culturale e sociale del nostro contesto ferito”.

 

Il commento di padre Notari, Presidente del C.D.A del Gonzaga

«Accompagnare i giovani nella creazione di un futuro di speranza è una delle preferenze apostoliche che noi gesuiti di tutto il mondo abbiamo individuato per i prossimi dieci anni”  – afferma p. Gianni Notari, presidente del C.d.A. del Gonzaga. “Sono i giovani, – continua –  con le loro prospettive, che possono aiutarci a comprendere meglio il cambiamento d’epoca che stiamo vivendo e che possono suggerirci strade nuove per un futuro di speranza. E’ per questo che il nostro campus ha scelto di investire su questa bella opportunità che è il Servizio Civile”.

2021: un grande sogno che riparte da “noi” – Gli auguri del direttore generale

Buon anno 2021!

Lettera del Direttore Generale a tutta la comunità del Gonzaga Campus

Palermo, 01 Gennaio 2021

 

Carissime e carissimi,

buon anno 2021!

Vi raggiunga il mio augurio più sincero insieme a quello dei miei compagni Gesuiti che vivono la loro missione al Gonzaga Campus.

Iniziamo questo nuovo tempo con la discrezione e con l’umiltà che il periodo che viviamo impone, ma con la forza, la vita, l’amore che anche il difficile anno vissuto rilancia.

 

E’ lo sguardo e la gioia di voi più piccoli, che emerge comunque e che neanche le mascherine possono bloccare.

E’ la resilienza di voi liceali che, pur portando il peso dello stare a casa, non avete smesso di cercare di crescere e amare la vostra scuola, (nella quale si apre la possibilità di ritornare a partire dal 7 gennaio, riabitando  i corridori, condividendo le gioie e le preoccupazioni quotidiane della vita scolastica).

E’ la passione educativa di voi insegnanti e di tutti i collaboratori, che sempre di più apparite, non solo ai miei occhi, come angeli di cura del nostro tempo e che, con o senza tecnologie, cambiando tante volte la progettazione didattica a secondo delle situazioni esterne, non vi siete stancati di raggiungere ed accompagnare ogni alunno/a, che sempre rimane il regalo più bello per la nostra scuola.

E’ la collaborazione e la corresponsabilità con voi famiglie nonostante l’ansia, la paura e la preoccupazione  che talvolta volevano prendere il sopravvento.

E’ tutto questo che autorizza la speranza, unito a quello che senza troppo chiasso succede intorno a noi: la generosità di medici ed infermieri, il progresso della scienza e una riscoperta dell’essenziale.

Salutiamo questo nuovo 2021 con un desiderio di futuro bello.

 

Oggi, festa della SS. Madre di Dio, il Vangelo che ci presenta Maria che “custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore”, è come se volesse invitarci a custodire quello che è importante, per rilanciarlo con nuova forza nell’anno che si apre.

Dovremo certamente e seriamente fare i conti con tante tentazioni che attraversano il nostro mondo ed il nostro cuore: quella di guardare indietro perdendo fiducia, quella di non imparare niente da quanto è successo e ancora caratterizza il nostro oggi, quella di chiuderci nel nostro orizzonte, rimanendo intrappolati nella nostre ansie e nei nostri piccoli o grandi egoismi.

Ma il 2021 non sarà un anno nuovo se continueremo a guardare alla realtà con le nostre vecchie logiche, con gli occhi di ieri. Se resteremo fermi, senza rinnovarci.

Se continueremo a chiuderci nelle nostre sicurezze, senza lasciarci provocare dalla vita dei più fragili.

Se perpetueremo la logica del nostro orticello, senza impegnarci davvero per costruire una città umana, fraterna, accogliente, aperta, interculturale, sostenibile.

Se continueremo a sfruttare il nostro mondo, senza cambiare i nostri stili di vita.

Se continueremo a guardare ai nostri figli con quel paternalismo con cui talvolta si guardano i giovani, senza davvero lasciarci mettere in discussione dai loro sguardi, dalle loro emozioni genuine, dai loro pensieri autentici, dai loro gesti rivoluzionari.

 

Se invece coltiveremo l’essenziale e, lasciando perdere le nostre false sicurezze, diventeremo umili cercatori e compagni nel cammino della vita, il nostro 2021 sarà un anno speciale.

Solo così non sarà un nuovo anno che si aggiunge agli altri nel loro susseguirsi cronologico ma un anno “nuovo”  perché vissuto con uno sguardo ed un cuore nuovo, un anno in cui ci verranno riconsegnate con nuovo stupore le cose più belle della vita che spesso sono le più semplici, come la vita quotidiana di una scuola, i tanti doni che come singoli e come comunità abbiamo ricevuto.

Come abbiamo scritto nell’augurio di Natale, “se ci si disarma, se ci si spossessa, se ci si apre al Dio-Uomo che fa nuove tutte le cose, allora Lui cancella il brutto passato e ci rende un tempo nuovo nel quale tutto è possibile”.

 

Buon anno allora con l’augurio di essere persone “nuove” ed una comunità “nuova” per un anno “nuovo”.

Il Signore ci doni davvero il coraggio di diventare “otri nuovi”, per questo “vino nuovo” che attende di entrare nella nostra vita per restituirle un rinnovato sapore ed una sempre più grande autenticità.

Solo così potremo uscire da noi stessi e dalle nostre piccole prospettive e coltivare un grande sogno che riparte da noi e coinvolge tutto il mondo.

Mi piace concludere e consegnarvi le parole di Papa Francesco:

“Ecco un bellissimo segreto per sognare e rendere la nostra vita una bella avventura. Nessuno può affrontare la vita in modo isolato. C’è bisogno di una comunità che ci sostenga, che ci aiuti e nella quale ci aiutiamo a vicenda a guardare avanti. Com’è importante sognare insieme! Da soli si rischia di avere dei miraggi, per cui vedi quello che non c’è; i sogni si costruiscono insieme. Sogniamo allora come un’unica umanità, come viandanti fatti della stessa carne umana, come figli di questa stessa terra che ospita tutti noi, ciascuno con la ricchezza della sua fede o delle sue convinzioni, ciascuno con la propria voce, tutti fratelli!”

Auguri di cuore a ciascuno di voi.

Buon 2021!

p. Vitangelo Carlo Maria Denora S.J.

Direttore Generale