Mercoledì 07 Febbraio 2024: 2° incontro on line di presentazione dei progetti e delle sedi di Servizio Civile della rete del Gonzaga

Mercoledì 07 Febbraio 2024, dalle 15:00 alle 17:00, si svolgerà il 2° incontro on line di presentazione dei progetti e delle sedi di Servizio Civile della rete del Gonzaga. In vista della scadenza del bando (15 Febbraio ore 14) chi volesse avere maggiori info e orientarsi tra progetti e sedi per cui candidarsi è invitato a partecipare.

Durante l’incontro verranno presentati anche i vari enti di accoglienza e le varie sedi dell’ente “Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano” per le quali è possibile candidarsi a Palermo:  (Gonzaga Campus, Istituto Pedro Arrupe, Centro Astalli Palermo, APS San Francesco Saverio – Casa Professa, Associazione Arces, Cooperativa Al Azis, Comitato AddioPizzo).

Sarà utile partecipare per farsi un’idea più precisa di quale potrebbe essere la sede più idonea per la quale candidarsi e per ricevere indicazioni e suggerimenti utili per una corretta presentazione della domanda.

Registrati adesso cliccando qui!

Il giorno che precede l’appuntamento on line, ogni iscritto/a riceverà, nella casella della posta elettronica indicata, il link e le istruzioni per per accedere all’incontro.
Se ci fossero problemi tecnici di collegamento si può inviare un messaggio WhatsApp al numero: +39 3517124646
Vi aspettiamo…e passate parola!

Nasce il primo canale TikTok di una scuola a Palermo

[English version below]


I numeri parlano chiaro: con oltre 1 miliardo di utenti registrati al canale, corrispondente al 15% circa della popolazione mondiale, TikTok rientra senza dubbio tra le piattaforme di social network più apprezzate e popolari della storia dei media, considerando che in pochissimo tempo – è stata lanciata infatti recentemente, nel 2018 – è riuscita a raggiungere un vastissimo pubblico e un successo planetario, soprattutto tra i giovani della generazione Z (secondo alcuni dati forniti da TikTok stesso, il 66% degli utenti ha meno di 30 anni e la maggior parte delle persone è compresa tra i 16 e i 24 anni).

Qual è il segreto di questa incessabile fonte di attrazione? Cosa rende TikTok una piattaforma per eccellenza portavoce e simbolo delle nuove generazioni? Di sicuro ha giocato un ruolo fondamentale la freschezza e la varietà dei suoi contenuti, la presenza costante della musica, la facilità di video editing: grazie alla possibilità di creare brevi video accompagnati da audio, questo social è utilizzato a scopo ludico e d’intrattenimento (partecipando a challenge, scoprendo trend ecc), ma anche a scopo sociale e divulgativo. Insomma, a distanza di anni TikTok si conferma la dimensione virtuale prediletta dai giovani proprio perché si presta a diversi registri di comunicazione.

Su questa eterogeneità di linguaggi e contenuti hanno riflettuto insieme alcuni liceali del Gonzaga Campus – Silvia Catania (5° Steam), Antonio Crisci (4° Scientifico Sportivo), Federico Caruso (1° Classico), Bianca Palermo (4° scientifico): è possibile rendere uno spazio d’intrattenimento, ormai familiare e divertente, come può essere TikTok per i giovani, anche un luogo di scambio culturale e interculturale, una risorsa in grado di proporre nuovi orizzonti di arricchimento e apprendimento?

La risposta è sì: a partire da queste conclusioni nasce @gonzagacampus_palermo, il primo canale TikTok ufficiale a Palermo riconosciuto e promosso da un’istituzione scolastica, gestito da docenti, Ufficio Comunicazione, studenti e studentesse dei Licei e dell’High School che collaborano nella creazione di contenuti all’insegna dell’impegno culturale ma anche dell’ironia, dell’allegria, della leggerezza.

L’idea di base è quella di raccontare la vita nel campus in tutte le sue sfaccettature attraverso video clip che, sotto forma di interviste, quiz, giochi, sappiano divulgare informazioni e notizie, raccontare il rapporto tra studenti e docenti senza tralasciare l’aspetto ludico e vivace dalle tinte ironiche e autoironiche. Questa idea emerge già dal primo video pubblicato dai nostri ragazzi e ragazze, che ha avuto un grande successo già in poche ore.

Il canale TikTok del Gonzaga si pone l’obiettivo di diventare uno spazio variopinto che, seppur plasmandosi sulle tendenze della contemporaneità, abbia come solida base l’insegnamento che i padri gesuiti hanno trasmesso e che il Gonzaga Campus intende perpetuare: collaborare, agire insieme incrementando e potenziando la comunità verso un obiettivo comune, che sia educare o, come in questo caso, condividere momenti attraverso lo scambio e la realizzazione di contenuti.

Unisciti anche tu al  TikTok. Clicca qui


English version
The first channel of a school in Palermo on TikTok
The numbers speak for themselves: with more than 1 billion users registered to the channel, corresponding to about 15 percent of the world’s population, TikTok undoubtedly ranks among the most appreciated and popular social networking platforms in the history of media, considering that in a very short time – in fact, it was launched as recently as 2018 – it has managed to reach a very large audience and planetary success, especially among the young people of Generation Z (according to some data provided by TikTok itself, 66 percent of users are under 30 years old and most people are between 16 and 24 years old). 

What is the secret behind this unceasing source of attraction? What makes TikTok a platform par excellence spokesperson and symbol of the younger generation? For sure, the freshness and variety of its content, the constant presence of music, the ease of video editing played a key role: thanks to the possibility of creating short videos accompanied by audio, this social is used for fun and entertainment purposes (participating in challenges, discovering trends, etc.), but also for social and dissemination purposes. In short, years later TikTok confirms itself as the virtual dimension favored by young people precisely because it lends itself to different registers of communication.

On this heterogeneity of languages and contents some Gonzaga Campus high school students reflected together – Silvia Catania (5th Steam), Antonio Crisci (4th Scientific Sports), Federico Caruso (1st Classical), Bianca Palermo (4th Scientific): is it possible to make an entertainment space, now familiar and fun, as Tik Tok can be for young people, also a place of cultural and intercultural exchange, a resource able to propose new horizons of enrichment and learning? The answer is yes: starting from these conclusions, @gonzagacampus_palermo was born, the first official tik tok channel in Palermo recognized and promoted by an educational institution, managed by teachers, the Communication Office, Licei and High School students who collaborate in the creation of content under the banner of cultural engagement but also irony, cheerfulness, and lightness.

The basic idea is to tell the story of life on campus in all its facets through video clips that, in the form of interviews, quizzes, games, know how to divulge information and news, tell about the relationship between students and faculty without neglecting the playful and lively aspect with ironic and self-deprecating tones. This idea already emerges from the first video posted by our boys and girls, which was a great success already within a few hours.

Gonzaga’s TikTok channel aims to become a colorful space that, while shaping itself to contemporary trends, has as a solid base the teaching that the Jesuit fathers have transmitted and that Gonzaga Campus intends to perpetuate: to collaborate, to act together by increasing and empowering the community toward a common goal, whether it is to educate or, as in this case, to share moments through the exchange and realization of content.

You can follow the TikTok channel. Click here

By making you learn! M3 students tell us how many ways you can study math

By making you learn! M3 students tell us how many ways you can study math
The goal of the Middle Years Program (MYP) at Gonzaga International School Palermo is to accompany boys and girls on a path of growth, both personal and intellectual, based on an educational approach that puts the student at the center: the MYP program not only includes traditional teaching of school subjects, but also pushes students to seek new approaches to study by developing their reasoning skills and identifying connections between the different topics covered in class.

But what teaching strategies are put in place to stimulate students’ desire to learn? Students education is structured through the Global Contexts provided in their curriculum: learning objectives that go beyond the lecture given in the classroom, prompting students to connect what they learn to what is happening in the world around them; the method is that of “continuous inquiry” that encourages them to be open-minded and intellectually curious.

One of the “traditional teachings” that are addressed with this innovative teaching methodology is mathematics. This subject, which is a stumbling block for many students, thanks to the practical applications and learning units adopted in the classroom, allows students to approach the study with greater interest and gain a concrete understanding of even the most complex topics. To understand how the study of mathematics, its rules and principles, can be applied in everyday life, we interviewed students from M3!

Eraclea told us how topics are approached and lessons are structured: “Each week is dedicated to a specific topic, and at the end we do tests to see if we understood everything! For example, when we studied expressions we started with the simplest ones, and every day we would add one more piece of information, such as parentheses and exponents, I always go back to the topics done before”.

In addition to continuous and gradual learning, a key aspect of teaching math is the visual component, as Martina explained, “This week we studied the Pythagorean theorem: together with teacher Lavinia Robba we created triangles and squares with colored paper to understand what it consists of and how it applies. It was very fun and useful, I will definitely never forget how the theorem works!”.

Lorenzo, on the other hand, told us that at school he learned that math is also useful in soccer: “Once, after studying ratios, we went down to the soccer field to play. And, after taking penalty kicks at the end of the game, we calculated the ratio of penalties scored to penalties missed!”.

Through the words of our students, we realized that it is possible to study mathematics in an alternative and fun way by applying its rules to everyday life situations. This helps them not only to approach the subject with greater interest, but also to better assimilate the topics.

Facendo si impara! Gli studenti di M3 ci raccontano in quanti modi si può studiare matematica

L’obiettivo del Middle Years Programme (MYP) del Gonzaga International School Palermo è quello di accompagnare i ragazzi e le ragazze in un percorso di crescita, personale e intellettuale, basato su un approccio didattico che mette al centro lo studente: il programma del MYP non include soltanto l’insegnamento tradizionale delle materie scolastiche, ma spinge gli studenti a cercare nuovi approcci allo studio sviluppando la loro capacità di ragionamento e individuando le connessioni tra i diversi argomenti affrontati in classe.
Ma quali strategie didattiche vengono messe in campo per stimolare la voglia di apprendere gli studenti? La formazione dei ragazzi e delle ragazze è strutturata attraverso i Global Contexts previsti dal loro curriculum: degli obiettivi di apprendimento che vanno oltre la lezione svolta in classe, spingendo gli studenti a collegare ciò che apprendono a quello che accade nel mondo che li circonda, il metodo è quello di una “ricerca continua” che li incoraggia ad essere aperti e intellettualmente curiosi.

Uno degli “insegnamenti tradizionali” che vengono affrontati con questa metodologia didattica innovativa è la matematica. Questa materia, che rappresenta un ostacolo per molti studenti, grazie alle applicazioni pratiche e alle unità di apprendimento adottate in classe, permette ai ragazzi di approcciarsi con maggiore interesse allo studio e comprendere concretamente anche gli argomenti più complessi. Per capire come lo studio della matematica, le sue regole e i suoi principi, possono essere applicati nella vita quotidiana abbiamo intervistato gli studenti di M3!

Eraclea ci ha raccontato come vengono affrontati gli argomenti e strutturate le lezioni: “Ogni settimana è dedicata ad uno specifico argomento, e alla fine facciamo delle verifiche per vedere se abbiamo capito tutto! Ad esempio, quando abbiamo studiato le espressioni abbiamo iniziato da quelle più semplici e ogni giorno aggiungevamo un’informazione in più, come le parentesi e gli esponenti, riprendo sempre gli argomenti fatti in precedenza”.

Oltre all’apprendimento continuo e graduale, un aspetto fondamentale dell’insegnamento della matematica è la componente visuale, come ci ha spiegato Martina: “Questa settimana abbiamo studiato il teorema di Pitagora: insieme alla professoressa Lavinia Robba abbiamo creato dei triangoli e dei quadrati con la carta colorata per capire in cosa consiste e come si applica. È stato molto divertente e utile, sicuramente non mi dimenticherò mai come funziona il teorema!

Lorenzo invece ci ha raccontato che a scuola ha imparato che la matematica è utile anche nel calcio: “Una volta, dopo aver studiato le ratios, siamo scesi nel campetto di calcio a giocare. E, dopo aver tirato i calci di rigore alla fine della partita, abbiamo calcolato il rapporto tra i rigori segnati e quelli sbagliati!

Attraverso le parole dei nostri studenti e studentesse abbiamo capito che è possibile studiare la matematica in modo alternativo e divertente, applicando le sue regole alle situazioni di vita quotidiana. Questo li aiuta non sono ad approcciarsi con maggiore interesse alla materia, ma anche ad assimilare meglio gli argomenti.

Alessandro Pirrotta (III liceo scientifico sportivo) campione italiano di Padel 2024

 
«Auguro ad Alessandro tante altre vittorie come questa; si sta impegnando molto in questo sport, sta mettendo tutto sé stesso rinunciando a parecchie cose. La sua tenacia fa la differenza». Con queste affettuose parole Vittoria Leone, studentessa del III scientifico sportivo, commenta le recentissime vittorie del compagno e amico Alessandro Pirrotta al Campionato Siciliano under 16 di padel e al Campionato d’Italia 2024. Lo avevamo lasciato a dicembre con la vittoria al Campionato Nazionale e lo ritroviamo a inizio anno più determinato e in forma che mai, mentre alza nuovi trofei, questa volta dopo aver scalato le vette del circolo regionale (il 5 gennaio) e nazionale (il 14 gennaio) in quello sport che costituisce la sua passione principale.

Al culmine del suo successo atletico, Alessandro ha condiviso anche questa volta con noi emozioni, riflessioni e progetti futuri:
La mia gratitudine, come ho detto anche in passato, è tutta nei confronti del mio maestro Francesco Lo Bue, a cui in estate avevo promesso queste vittorie: essere riuscito a mantenere la promessa e renderlo orgoglioso mi dà felicità. Reduci dalla vittoria nazionale ci sentivamo in dovere di vincere anche questi tornei e abbiamo mantenuto il pronostico. Al campionato regionale è stata dura perché con questi avversari nello scorso torneo abbiamo dovuto incassare una sconfitta proprio nelle fasi finali, ma in questo caso tutto è andato per il verso giusto. Durante le finali del campionato d’Italia, che invece si è tenuto a Bari in Puglia, gran parte del pubblico tifava contro di noi; la tensione è stata maggiore, non giocavamo a casa e inoltre si trattava di una competizione a squadre, quindi, ho percepito un senso di responsabilità oltre che personale anche e soprattutto collettivo: ma ognuno di noi ha lottato per il bene della squadra e il risultato è stato incredibile. Ho pianto dall’emozione.

Il 2024 sarà un anno impegnativo visto che ci attende la selezione per partecipare al Campionato Europeo: insieme al mio compagno e al mio maestro ci recheremo in Spagna, territorio che costituisce il cuore pulsante del padel, in cui si svolgerà il periodo di “pre-temporada”, ovvero la preparazione a inizio stagione che ha la durata di una settimana. Conoscerò i migliori maestri di questo sport e per me sarà un grandissimo privilegio; sono molto emozionato. Nei miei sogni immagino un futuro in Spagna, vivendo di questa passione sportiva e scalando tutte le classifiche per rientrare tra i primi 40 campioni al mondo… incrociamo le dita!

La rete del Gonzaga seleziona 68 giovani per il Servizio Civile Universale

Servizio Civile 2024 - Volontari al Gonzaga Campus

Svolgeranno attività educative, di assistenza e di animazione per minori, giovani e migranti. Le domande entro il prossimo 15 Febbraio 2024

Servizio Civile 2024 - Volontari al Gonzaga Campus

PALERMO – La rete di 7 enti non profit, coordinata dal Gonzaga Campus dei padri gesuiti, è pronta ad accogliere 68 giovani volontari (di età compresa da 18 a 29 anni) da impiegare in due progetti di Servizio Civile Universale, con una remunerazione mensile di 507 euro.

La rete è costituita dal Gonzaga Campus (che offre a 20 giovani un’esperienza significativa nel settore dell’educazione formale ed informale, anche in diverse lingue, avendo come destinatari privilegiati i minori e i giovani della Scuola italiana e dell’International School Palermo), dall’Istituto Pedro Arrupe (attivo dal 1958 nei campi della formazione politica, della promozione culturale e della ricerca sociale), dal Centro Astalli Palermo (dal 2003 in prima linea nella difesa dei diritti, nell’integrazione e nell’inclusione di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo), dall’associazione Arces (dal 1976 istituzione di eccellenza nel supporto alle Università per quanto attiene all’offerta residenziale, ma, soprattutto, per il suo progetto formativo che prevede un modello interdisciplinare ed interventi integrativi e di accompagnamento allo studio), dalla cooperativa sociale Al Azis (nata nel 1998 per promuovere, nell’ambito dell’operatività del Centro Polivalente TAU, processi di orientamento, formazione professionale e inserimento socio-lavorativo soprattutto a vantaggio dei giovani a rischio di coinvolgimento in attività criminose e di esclusione sociale), dall’associazione AddioPizzo (che si occupa della promozione di un’economia virtuosa e libera dalla mafia attraverso lo strumento del consumo critico) e dall’associazione San Francesco Saverio (che si occupa di numerose attività di promozione e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del museo e della Chiesa del Gesù a Casa Professa).

I 7 enti, da tempo sono impegnati, a vario livello, per il servizio alla comunità siciliana in modo nuovo e creativo, mettendo a disposizione 10 sedi a Palermo per accogliere 68 giovani volontari.

Si tratta di una opportunità che permette di acquisire competenze spendibili nella vita e per l’inserimento nel mondo del lavoro mediante un tutoraggio e una formazione specifica; si maturano, inoltre, crediti formativi universitari e un punteggio valido nei concorsi pubblici, che, riscattabile ai fini pensionistici, prevede una remunerazione mensile (507,00 euro) e la certificazione delle competenze acquisite.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 15 Febbraio 2024, ore 14.

I due progetti Italia della rete “Sei tu la mia città” e “Sostare tra le culture” finanziati, con il bando ordinario, hanno anche una riserva di posti dedicati ai giovani con minori opportunità, che hanno un basso reddito (Isee pari o inferiore a 15 mila euro). Le attività in cui i volontari saranno coinvolti sono di varia natura: attività educative, di tutoraggio scolastico, di supporto all’apprendimento dei bambini con bisogni educativi speciali, attività ludiche, ricreative, sportive, artistiche, culturali, interculturali e di comunicazione sociale. E ancora animazione culturale e orientamento e accompagnamento lavorativo dei giovani, inserimento e integrazione dei migranti, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico e cura delle biblioteche.

I progetti sono parte di un ampio programma di intervento che risponde agli obiettivi 3, 4 e 10 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e sono realizzati anche in collaborazione con Caritas Italiana che, da anni, opera a Palermo e in tutto il territorio nazionale, negli ambiti delle povertà, della carità e dell’educazione.

Nella sezione dedicata al Servizio Civile del sito https://gonzagacampus.it/servizio-civile-23 è possibile conoscere in modo dettagliato il bando, le modalità di presentazione della domanda, consultare le schede sintetiche di tutti i progetti con le sedi e le attività previste in ogni sede e conoscere i criteri di selezione.

La rete suggerisce ai giovani che desiderano presentare domanda di comunicarlo prima possibile, inviando il curriculum firmato all’indirizzo serviziocivile@gonzagapalermo.it In risposta alla mail tutti i giovani interessati saranno invitati a partecipare ad una riunione on line, prevista per mercoledì 24 Gennaio 2024, nella quale verranno presentati tutti i progetti e fornite tutte le informazioni e i chiarimenti che possono tornare utili ad una corretta compilazione della domanda e alla scelta del progetto e della sede più idonea.

La domanda di partecipazione va presentata esclusivamente con lo SPID attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite pc, tablet e smartphone, all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it

Per trovare i progetti della rete del Gonzaga basterà inserire nel format “Scegli il tuo progetto in Italia”, la regione “Sicilia” e l’Ente “Istituto Gonzaga – Centro Educativo Ignaziano” codice ente SU00069.

Giovani di servizio civile

Con il servizio civile mi sono sentita parte attiva della società – ha raccontato Sara di 20 anni -. L’esperienza di servizio civile che sto svolgendo presso questa scuola è per me un’occasione di sviluppo per una maggiore consapevolezza civica. Quello che oggi sento è di essere parte attiva della società, consapevole dei diritti e doveri verso la collettività. Quello che ne consegue è sicuramente una crescita personale, umana e un arricchimento del bagaglio culturale e professionale, anche attraverso lo sviluppo di competenze trasversali e nuove che non pensavo di poter sperimentare”.

Il servizio civile mi ha formato ancora di più alla relazione con gli altri – racconta Giorgia di 27 anni -. Questa esperienza mi ha aiutato a riflettere maggiormente su alcuni temi, a creare un legame più profondo tra colleghi, a inserirmi di più nella società, capendo e valorizzando le differenze di ogni persona. Abbiamo ancora tanto da imparare ma avere buone basi aiuta a indirizzarci nel modo giusto.”

What do you want to be when you grow up? University counseling at Gonzaga International School’s IB Diploma.


Il programma IB è un sistema educativo completo che fornisce conoscenze approfondite, opportunità di applicare tali conoscenze a livello globale e metodi di studio che preparano e stimolano gli studenti ad avere successo sia all’università che nella vita.

All’International School Gonzaga di Palermo ai nostri ragazzi e ragazze vengono offerti dei percorsi di orientamento per sottolineare la continuità didattica offerta dal loro programma internazionale e per aiutare gli studenti dell’ultimo ciclo di studi ad orientarsi meglio nella scelta future.

Il Diploma Programme è un percorso pre-accademico, durante il quale gli studenti si preparano alle future sfide accademiche. A livello didattico, infatti, vengono preparati gradualmente a sostenere esami e prove al pari di quelle universitarie.

L’university counseling (orientamento all’università) è parte integrante e fondamentale dell’accompagnamento agli studi futuri dei nostri studenti del ciclo biennale DP. Il professore Richard Seeno, docente di Letteratura Italiana, ricopre già dallo scorso anno il ruolo di counselor universitario.

Abbiamo chiesto a lui in cosa consiste l’university counseling:

“L’orientamento inizia già durante il secondo anno di liceo, in cui poniamo domande ai ragazzi per capire cosa desiderano realmente fare in futuro. In base alla professione e il settore al quale aspirano, con gli studenti di D1 cominciamo più concretamente a dare loro informazioni sulle università, i programmi, l’ambiente e i costi. Grazie anche all’ausilio di Unifrog, un’applicazione che permette agli studenti di esplorare i diversi programmi universitari di tutte le università del mondo, possono effettuare vari quiz orientativi che ti indirizzano verso un’area di studio piuttosto che un’altra. Questa piattaforma semplifica la procedura di domanda di ammissione che si effettua durante l’ultimo anno del Diploma Programme. Molti ragazzi sognano di frequentare università estremamente selettive di cui spesso non conoscono tutte le informazioni necessarie, per questo l’university counseling è fondamentale”.

Lo scopo è quello di individuare le istituzioni e i programmi che si adattino perfettamente agli interessi e agli obiettivi futuri dei nostri studenti. Il percorso di orientamento agli studi futuri è uno dei vantaggi di scegliere il programma IB, che permette agli studenti di scoprire, sin da piccoli, le loro capacità, potenzialità e aspirazioni.

Vieni a conoscere il Diplima IB alla nostra Info Week: https://gonzagacampus.it/info-weeks-23

 What is university counseling for IB students ?

The IB program is a comprehensive educational system that provides in-depth knowledge, opportunities to apply that knowledge globally, and study methods that prepare and inspire students to succeed both in college and in life.

At International School Gonzaga in Palermo, our boys and girls are offered orientation pathways to emphasize the educational continuity offered by their international program and to help final-year students better navigate their future academic career choices.

The Diploma Program is a pre-academic track, during which students prepare for future academic challenges. At the educational level, in fact, they are gradually prepared to take exams and tests on par with university ones.

University counseling, college orientation, is an integral and fundamental part of accompanying our two-year DP cycle students to future studies. Professor Richard Seeno, professor of Italian Literature, has been serving as university counselor since last year.

 We asked him what university counseling consists of:

“Orientation starts as early as the sophomore year of high school, in which we ask students questions to understand what they really want to do in the future. Based on the profession and the field to which they aspire, we start more concretely with D1 students to give them information about universities, programs, environment and costs. Thanks in part to the help of Unifrog, an application that allows students to explore the different university programs of all universities around the world, they can take various orientation quizzes that point you toward one area of study rather than another. This platform simplifies the application process that takes place during the final year of the Diploma Program. Many young people dream of attending extremely selective universities about which they often do not know all the necessary information, so university counseling is crucial”.

The aim is to identify institutions and programs that are a perfect fit for our students’ interests and future goals.

The orientation pathway to future studies is one of the advantages of choosing the IB program, which allows students to discover, from an early age, their abilities, potential and aspirations.

Come learn about Diplima IB at our Info Week: https://gonzagacampus.it/info-weeks-23

Liceo Classico: è ancora attuale?


«Greco e Latino? No, grazie!» «Gli studi umanistici sono fuori moda, non garantiscono alcun futuro!» Questi e tanti altri sono i pregiudizi che assalgono gli studi umanistici ai giorni nostri; più la scienza si evolve nei suoi settori, più materie come letteratura, storia, geografia, filosofia e soprattutto il greco e il latino, dunque discipline apparentemente slegate da quel progresso scientifico che promette un futuro in continua ascesa, vengono considerate “futili”, qualcosa di cui si possa fare facilmente a meno. Ma è davvero così? Il futuro degli studi umanistici è davvero in crisi, sull’orlo del baratro, come gran parte di questi luoghi comuni vuole far credere? Le ricerche più recenti dimostrano il contrario e anzi gettano luce su un nuovo, possibile connubio tra il mondo scientifico e il mondo umanista: basti pensare ai risultati incoraggianti ottenuti nel campo delle neuroscienze, le quali si sono occupate dell’analisi di tutti quei benefici che possono derivare dalla semplice lettura di un libro. Noi dell’Istituto Gonzaga, fedeli alla tradizione educativa della Compagnia di Gesù, riteniamo inoltre che dal mondo delle scienze umane derivino tutte quelle conoscenze e competenze imprescindibili alla formazione integrale della persona (cuore, mente, azione) che non si possono ricavare in nessun altro campo del sapere. Un piano di studi che ruota intorno alla riflessione sulle culture e sui linguaggi, come quello del Liceo Classico del Gonzaga, garantisce l’acquisizione di competenze (capacità di analisi, di valutazione e rielaborazione critica del presente) che costituiscono la chiave di accesso per interpretare la società di oggi. Le alunne del II Classico, Caterina Mondello e Marta Fichera, presentando sotto forma di lettera il loro indirizzo liceale presso l’Istituto Gonzaga, ci parlano di «un Liceo Classico all’avanguardia», in grado di offrire, attraverso lo sguardo rivolto al passato, chiavi di lettura del presente e del futuro:

Oggigiorno possiamo constatare che il Liceo Classico è la scelta meno gettonata tra i nuovi iscritti alla scuola superiore; ma bisogna sapere che il Liceo Classico, un tempo chiamato ginnasio, nasce come unico corso di studi secondario di tipo liceale, dunque, l’unico percorso che permetteva l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria. Perché questo? Frequentando da ormai quasi due anni questo indirizzo, noi, Caterina Mondello e Marta Fichera, in questo articolo cercheremo di andare oltre gli stereotipi e i vari pregiudizi ormai instaurati nella nostra società ed elaboreremo riflessioni concrete e risolutive.  

Sicuramente tutti i classicisti almeno una volta nella loro vita si sono sentiti in soggezione quando molti li hanno scherniti chiedendo “Ma per quale motivo studi delle lingue morte? Sono inutili”. A queste battute possiamo rispondere dicendo che: per prima cosa il greco antico e il latino non vengono studiate per essere poi parlate, ma gli scopi del loro studio sono molteplici. Senza dubbio c’è da considerare la componente culturale; infatti, studiando queste materie, ci si confronta con culture antiche che, pur essendo apparentemente molto diverse dalla nostra, ne hanno gettato le basi. Un secondo fattore spesso sottovalutato è l’utilizzo e il potenziamento della logica, che ovviamente ci facilita in altre materie quali matematica e fisica. Infine, grazie agli esercizi di traduzione svolti in classe e a casa abbiamo un vantaggio riguardante la lingua italiana e le sue sfumature.

L’approccio adottato dall’Istituto Gonzaga in merito all’approfondimento delle materie umanistiche si differenzia da quello tradizionalmente applicato in altre scuole per vari motivi; per esempio, ci vengono proposti vari laboratori ed esperienze mirate all’ampliamento di queste materie. Inoltre, il personale del Gonzaga dedica ore del proprio tempo in corsi pomeridiani destinati allo svolgimento dei compiti assegnati o alla spiegazione ulteriore degli argomenti di ciascuna materia, affinché tutti gli studenti possano superare le proprie difficoltà raggiungendo così i propri obiettivi e acquistando una maggiore sicurezza in sé stessi.

Dopo aver trascorso quasi due anni al Gonzaga Campus frequentando il Liceo Classico, possiamo affermarci soddisfatte delle nostre scelte e del nostro percorso, sia dal punto di vista scolastico che umano, e ogni giorno che passiamo in questa scuola siamo entusiaste di poterlo trascorrere insieme a compagni e personale sempre disponibile ed aperto al dialogo.

Vieni se vuoi scoprire di più sul nostro liceo classico ti aspettiamo alla nostra Info Week! Registrati qui: https://gonzagacampus.it/info-weeks-23

Liceo STEAM: il futuro si fa scuola!


Nel 2018 iniziava l’avventura del percorso liceale STEAM (Science Technology Engineering Art Mathematics) del Gonzaga Campus; un indirizzo che si avvale della collaborazione di prestigiosi enti partner appartenenti al mondo accademico, scientifico, della ricerca e dell’innovazione e che si fonda su:

  • Super potenziamento del blocco matematica-fisica-informatica-scienze;
  • Studio di una materia scientifica nativamente e completamente in lingua inglese (CLIL);
  • Studio della statistica, dei linguaggi di programmazione informatica fin dal biennio;
  • L’utilizzo di laboratori scientifici e tecnologici curricolari, come educazione alla metodologia della ricerca scientifica (research days), condotti da professori e ricercatori degli enti partners;
  • Un corso di Cultural Studies, che sostituisce lo studio del latino, valorizzando la dimensione umanistica e la tradizione artistico-letteraria;
  • Lo studio del cinese, come seconda lingua, per un’ulteriore apertura alla parte del mondo dove oggi è rilevante il progresso scientifico.

Cos’è successo in questi anni? Quali sono state le esperienze significative vissute dalle classi che hanno scelto questo indirizzo, pensato per rispondere ai bisogni educativi di oggi e alle richieste del mondo del lavoro? Ma soprattutto, quali sono le impressioni dei nostri alunni e delle nostre alunne? Il racconto di alcuni ragazzi che abbiamo incontrato ci introduce nella vita scolastica dell’Istituto Gonzaga, in quei piani dei licei dove, tra i banchi del II STEAM, gli studenti Tommaso Cannella e Pietro Mazzara trascorrono le giornate di studio. Alla domanda “Perché frequentare proprio questo indirizzo liceale?” Tommaso risponde: «Ho scelto questo indirizzo perché mi piaceva l’idea di studiare informatica e scoprire una nuova lingua, il cinese». Ma in cosa consiste lo studio del cinese e come sono impostate le lezioni condotte nell’aula Kino al quarto piano dal professore di riferimento, il prof. Giuseppe Rizzuto? Pietro ce lo spiega così:

Il prof. Rizzuto struttura le sue lezioni in maniera semplice e immediata per far sì che tutti capiscano. Abbiamo iniziato con le prime parole, con le presentazioni – ad esempio “Ciao io mi chiamo Pietro” – le cose basilari, insomma; pian piano stiamo imparando anche a riferire l’orario, ad elencare i giorni della settimana, alcune nozioni di grammatica. Di grande aiuto per noi è una tecnica particolare che il professore adotta puntualmente nelle sue classi che si chiama “chinese corner”, letteralmente “angolo cinese”. In pratica lui ha una bandierina di carta della Cina che di solito è rivolta verso il muro, noi non la vediamo; quando la gira rivolgendola verso la classe si può parlare solo ed esclusivamente in lingua cinese. Se qualcuno di noi si azzarda a parlare in italiano o in qualsiasi altra lingua riceve un punto negativo e viene ammonito; di recente ha introdotto una nuova regola: chi parla per più di tre volte italiano o qualsiasi altra lingua avrà un carico maggiore di compiti.

Tra le domande compare la seguente: “Vi siete mai chiesti perché studiate proprio questa lingua piuttosto che qualsiasi altra?”

TOMMASO: Penso che sia dovuto alla peculiarità intrinseca a questo liceo: è il liceo in cui per eccellenza si sperimenta; studiando informatica si può diventare ingegnere informatico, per esempio, e decidere se rimanere in Italia oppure scegliere di lavorare all’estero. La conoscenza del cinese può aiutare a realizzare il sogno di un lavoro fuori dall’Italia, in una prospettiva internazionale; offre una marcia in più. Possibilmente qui al Gonzaga si sta sperimentando lo studio di questa materia anche in base alle strade che sono soliti intraprendere gli studenti.

PIETRO: La lingua cinese ci può essere utile per il futuro sia per quanto riguarda la nostra preparazione culturale, in vista di una possibile certificazione, sia per gli scopi lavorativi.

Una peculiarità importante di questo indirizzo è inoltre la partecipazione ai “Research Day”, ovvero pomeriggi di ricerca obbligatori durante i quali studenti e studentesse hanno la possibilità di vestire i panni di ricercatori ed essere guidati da docenti ed esperti alla scoperta della ricerca scientifica accademica: la sfida è quella di applicare e potenziare le conoscenze acquisite in classe, andando oltre il semplice nozionismo. Ma come si articolo i Research?
La prima fase dei percorsi, quella introduttiva, forma gli studenti sul metodo scientifico e della costruzione generale di un progetto di ricerca, ma anche li aiuta a riconoscere l’importanza della ricerca e della figura del ricercatore. Nella fase successiva gli studenti partecipano ad alcuni laboratori applicativi, svolti presso gli enti partner, per ampliare lo sguardo sulle tematiche di ricerca più innovative e acquisire quelle competenze specifiche che caratterizzano il percorso di uno studente del liceo STEAM. L’esito finale dei research day è quello di aiutare gli studenti a diventare autori di una personale ricerca scientifica che viene presentata, alla fine del percorso, e valutata nel percorso formativo.

Quest’anno fulcro dei Research pomeridiani, come ci ha spiegato la professoressa di matematica e fisica Giulia Tomasino, è l’energia con le sue fonti rinnovabili e non rinnovabili: si è parlato di sviluppo sostenibile, economia verde, Life cycle assessment, di Agenda 2030; nei giorni a venire si parlerà di energia solare, idroelettrica e marina, geotermica, eolica e molto altro. Le attività assegnate invitano gli studenti a raccogliere informazioni, formulare ipotesi, previsioni e interpretazioni, proporre strategie originali e concrete come veri e propri ricercatori alle prime armi. Tommaso e Pietro ci raccontano la loro esperienza con queste parole:

PIETRO: I research sono obbligatori per tutti e cinque gli anni. L’anno scorso con la prof.ssa Lucchesi abbiamo fatto un’indagine statistica e il percorso è durato per tutto l’anno a partire da novembre fino a maggio; abbiamo realizzato alla fine un elaborato che valeva come resoconto di tutta l’esperienza del research Day.

TOMMASO: Abbiamo iniziato da poco il secondo anno di research con la prof.ssa Tomasino che sarà con noi da novembre a marzo e con la prof.ssa Rindinella che invece ci accompagnerà da marzo fino a maggio. A fine gennaio con la prof.ssa Tomasino ci recheremo direttamente all’Università di Palermo, presso la facoltà di Ingegneria delle fonti rinnovabili per parlare del sito Smartep e del sito Solare Dish Stirling. Sono molto curioso, non vedo l’ora!

“Un sogno nel cassetto post liceo?”

PIETRO: Mi piacerebbe studiare Economia all’Università Bocconi di Milano e poi si vedrà.

TOMMASO: Vorrei tentare la strada dell’Intelligenza Artificiale, quindi sperimentare una facoltà che mi permetta di prendere sempre più dimestichezza con questo nuovo sistema, possibilmente o a Roma o a Milano.
“Un saluto a tutto il campus del Gonzaga… ovviamente in cinese”:
TOMMASO: 你好 Nǐ hǎo (“Ciao!”)

Ti aspettiamo alla nostra Info Week per conoscere il nostro liceo! Prenotati qui: https://gonzagacampus.it/info-weeks-23

Un anno fa moriva Biagio Conte. Il Gonzaga lo ricorda con una iniziativa concreta

Carissime e carissimi,
esattamente un anno fa ci lasciava Biagio Conte, da sempre amico della nostra comunità.
La sua testimonianza manca in questo tempo di nuove ferite della nostra umanità. In questo giorno vorrei che lo ricordassimo e che ci impegnassimo per riprendere il sostegno alla Missione Speranza e Carità, come abbiamo sempre fatto negli ultimi anni.

In questi giorni due messaggi mi vengono al cuore che vorrei proporre alla nostra comunità scolastica.
La storia di Biagio nasce come la storia di un ragazzo che sente una inquietudine rispetto a quello che ci circonda. Così lui diceva rispetto al mondo in cui era immerso da ragazzo: “dentro di me c’era come un vuoto, un campanello di allarme: ero pieno esteriormente e materialmente ma dentro avevo un vuoto da colmare e al tempo stesso sentivo il bisogno di colmarlo”. E così sceglie di mettersi in ricerca nel modo più radicale possibile.

Il secondo aspetto che mi ritorna in mente è il suo stare male non metaforicamente ma quasi fisicamente di fronte alla ingiustizia e alla sofferenza.  Diceva “quello che non riesco ad accettare è tutto questo male di cui l’uomo continuamente si sta macchiando: l’egoismo e l’indifferenza, l’attuale sistema politico, l’autodistruzione dell’uomo attraverso la distruzione della natura e degli animali. Detesto che non si faccia niente per i più poveri, per gli emarginati, per tutti quei bambini abbandonati e per gli anziani. Tutto questo mi ferisce profondamente e mi fa star male e il non poter far niente mi angoscia, ma consentitemi di non essere complice di tutto questo male”. E per questo sceglie di vivere da povero, con i poveri e per i poveri.

In questo tempo, in cui tendiamo ad anestetizzare tutto e a rimanere spesso in superficie, chiedo, specialmente per i più giovani, il coraggio di ritrovare nel proprio cuore quella inquietudine e quel vuoto di cui parla Biagio e che questa inquietudine possa essere ascoltata e accolta dal mondo degli adulti, perché è una cosa seria che può spingere in avanti un mondo più autentico.

Chiedo anche, per tutta la nostra comunità, di stare male per le ingiustizie e le ferite del nostro tempo: che possiamo sentire nella carne che tutto questo (le guerre, la violenza, il pianeta, i più poveri) ci riguarda. Solo così potremo continuare la missione di Biagio Conte e riempire di senso un anniversario che è un appello forte a ritrovare il senso del cammino stando dalla parte dei più poveri.

E’ per questo che oggi, ad un anno dalla sua morte, vogliamo continuare a mantenere viva la sua memoria e il suo operato e, come facciamo ormai da anni, continuando a fare la nostra piccola parte per non fare mancare ai nostri amici della Missione Speranza e Carità la nostra vicinanza e la nostra solidarietà concreta. La continuità di questa presenza sarà una sfida sempre più importante con il passare dei mesi e degli anni. Non dimentichiamolo. E’ il “Gruppo Staff”, formato dagli studenti che affiancano il preside e l’equipe pastorale per rendere protagonista la comunità studentesca della vita della scuola, a ricordare a tutti l’appuntamento mensile con l’esperienza di sostegno all’opera fondata da Biagio Conte. 

Raccolta alimentare
La Missione ha sempre bisogno di generi alimentari di prima necessità, e ci farebbe piacere che tutto il campus si unisse in una colletta che possa veramente diventare un appuntamento fisso, un segno di cura e di prossimità. Prima della pandemia la facevamo ogni mese, dopo l’abbiamo ripresa ad intermittenza ed ora è tempo di dare continuità!

Da lunedì 15 a venerdì 19 Gennaio 2024, in portineria centrale San Giuseppe, sarà possibile consegnare alcuni alimenti richiesti dalla missione: salsa, fagioli, piselli, lenticchie pasta (solo penne rigate), biscotti, merendine, tonno in scatola, zucchero, sale, latte a lunga conservazione, caffè, succhi di frutta in cartone. 

Questa missione ci riguarda tutti: stare dalla parte di chi dalla vita ha ricevuto di meno. Certo della vostra generosità vi saluto, anche a nome degli studenti dello Staff.

p. Vitangelo Carlo Maria Denora SJ
Direttore Generale         

Scuola dell’Infanzia: il ruolo delle tecnologie nell’educazione dei bambini.

Scuola dell’Infanzia: il ruolo delle tecnologie nell’educazione dei bambini
La velocità di progressione nel campo della comunicazione e della tecnologia determina la necessità di stare al passo con i tempi. Allo stesso modo, anche nella didattica, l’uso delle nuove tecnologie digitali evidenzia l’esigenza di un cambiamento nel modo di fare scuola, di insegnare e di apprendere.

Ovviamente il tutto non è cosa semplice, ma necessaria. L’insieme delle tecnologie per la didattica rivolte ai più piccoli serve a facilitare l’apprendimento, suscitando una forte attrazione nei piccoli grazie anche alla facilità con cui questi strumenti possono essere utilizzati all’interno delle sezioni della scuola dell’infanzia.

La lavagna, i libri sono degli strumenti didattici intramontabili. Ma le attuali tecnologie multimediali e quelle touch, in particolare, sono una vera e propria risorsa poichè non sono sconosciute ai nostri piccoli alunni, bensì presenti ovunque nelle loro case e nei loro giochi. Questi strumenti non sono nemici dell’apprendimento, piuttosto diventano alleati preziosi degli insegnanti per la didattica. Durante le attività organizzate, col supporto dei pannelli interattivi Promethean – presenti in tutte le sezioni, i bambini possono mettere in gioco il loro sapere partecipando attivamente, collaborando costantemente con i compagni e la maestra, che diventa organizzatrice e regista del lavoro dei bambini, aiutando i processi di apprendimento di tutti i piccoli e tutte le piccole, anche attraverso percorsi personalizzati.

Il pannello digitale non serve soltanto per collegarsi in rete e cercare informazioni o video, ma risulta essere una fonte preziosa per tantissime ed entusiasmanti attività. Il pannello viene utilizzato per favorire gli apprendimenti nell’ambito di diversi linguaggi espressivi; si scrive, si disegna e si riproducono immagini sulla lavagna interattiva. Si fanno attività di coding, giochi matematici specifici per l’età del gruppo classe, si gioca a memory con l’alfabeto o con vari soggetti e si ascoltano audio storie sia in lingua italiana che in lingua inglese, in linea con il nostro progetto di bilinguismo e con l’idea di dare maggiore elasticità all’apprendimento dei nostri bambini sin dai primi anni.

Spesso, da parte di molte persone, emerge una certa diffidenza e disinformazione su questo cambiamento didattico, ma ciò non ci deve fermare. Al contrario dobbiamo cercare di incoraggiare l’utilizzo dei nuovi strumenti e cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati dalle varie unità di apprendimento. I collegi dei Gesuiti, infatti, non solo sono dotati di strumenti tecnologici all’avanguardia, ma hanno ritenuto opportuno formare i docenti all’utilizzo della tecnologia applicata alla didattica. Gli ITAS Leaders presenti anche nella scuola dell’infanzia del Gonzaga Campus hanno il ruolo di animatori e valorizzatori di un processo che non nega le peculiarità della didattica classica, ma la valorizza scoprendo le possibilità offerte dall’ambiente tecnologico.

Il tutto al fine di costruire un percorso culturale di alto profilo i cui principali protagonisti sono bambini e bambine, anche appartenenti alle più piccole fasce di età. La nostra scuola tra i suoi compiti ha quello di stimolare i nostri piccoli alunni ad essere attivi e consapevoli e non meri fruitori passivi della tecnologia, poichè questa stimola la creatività, il coding, il problem solving e aiuta a rendere tutto più interessante e divertente rispetto al solito modo di lavorare in classe.
Vieni a scoprire di più sulla nostra offerta formativa all’Info Week: https://gonzagacampus.it/info-weeks-23

Gli ITAS Leaders della scuola dell’infanzia

Marta Cassina
Samanta Ganci

La velocità di progressione nel campo della comunicazione e della tecnologia determina la necessità di stare al passo con i tempi. Allo stesso modo, anche nella didattica, l’uso delle nuove tecnologie digitali evidenzia l’esigenza di un cambiamento nel modo di fare scuola, di insegnare e di apprendere.

Ovviamente il tutto non è cosa semplice, ma necessaria. L’insieme delle tecnologie per la didattica rivolte ai più piccoli serve a facilitare l’apprendimento, suscitando una forte attrazione nei piccoli grazie anche alla facilità con cui questi strumenti possono essere utilizzati all’interno delle sezioni della scuola dell’infanzia.

La lavagna, i libri sono degli strumenti didattici intramontabili. Ma le attuali tecnologie multimediali e quelle touch, in particolare, sono una vera e propria risorsa poichè non sono sconosciute ai nostri piccoli alunni, bensì presenti ovunque nelle loro case e nei loro giochi. Questi strumenti non sono nemici dell’apprendimento, piuttosto diventano alleati preziosi degli insegnanti per la didattica. Durante le attività organizzate, col supporto dei pannelli interattivi Promethean – presenti in tutte le sezioni, i bambini possono mettere in gioco il loro sapere partecipando attivamente, collaborando costantemente con i compagni e la maestra, che diventa organizzatrice e regista del lavoro dei bambini, aiutando i processi di apprendimento di tutti i piccoli e tutte le piccole, anche attraverso percorsi personalizzati.

Il pannello digitale non serve soltanto per collegarsi in rete e cercare informazioni o video, ma risulta essere una fonte preziosa per tantissime ed entusiasmanti attività. Il pannello viene utilizzato per favorire gli apprendimenti nell’ambito di diversi linguaggi espressivi; si scrive, si disegna e si riproducono immagini sulla lavagna interattiva. Si fanno attività di coding, giochi matematici specifici per l’età del gruppo classe, si gioca a memory con l’alfabeto o con vari soggetti e si ascoltano audio storie sia in lingua italiana che in lingua inglese, in linea con il nostro progetto di bilinguismo e con l’idea di dare maggiore elasticità all’apprendimento dei nostri bambini sin dai primi anni.

Spesso, da parte di molte persone, emerge una certa diffidenza e disinformazione su questo cambiamento didattico, ma ciò non ci deve fermare. Al contrario dobbiamo cercare di incoraggiare l’utilizzo dei nuovi strumenti e cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati dalle varie unità di apprendimento. I collegi dei Gesuiti, infatti, non solo sono dotati di strumenti tecnologici all’avanguardia, ma hanno ritenuto opportuno formare i docenti all’utilizzo della tecnologia applicata alla didattica. Gli ITAS Leaders presenti anche nella scuola dell’infanzia del Gonzaga Campus hanno il ruolo di animatori e valorizzatori di un processo che non nega le peculiarità della didattica classica, ma la valorizza scoprendo le possibilità offerte dall’ambiente tecnologico.

Il tutto al fine di costruire un percorso culturale di alto profilo i cui principali protagonisti sono bambini e bambine, anche appartenenti alle più piccole fasce di età. La nostra scuola tra i suoi compiti ha quello di stimolare i nostri piccoli alunni ad essere attivi e consapevoli e non meri fruitori passivi della tecnologia, poichè questa stimola la creatività, il coding, il problem solving e aiuta a rendere tutto più interessante e divertente rispetto al solito modo di lavorare in classe.

Gli ITAS Leaders della scuola dell’infanzia

Marta Cassina
Samanta Ganci