Beatrice Saglimbene vince il bronzo ai Giochi Matematici del Mediterraneo

Beatrice Saglimbene, studentessa del II STEAM dell’Istituto Gonzaga, vince la medaglia di bronzo dei Giochi Matematici del Mediterraneo alla Finale di Area che si è tenuta l’8 e il 9 marzo.  In attesa della Finale Nazionale prevista nel mese di maggio, l’abbiamo incontrata. Ripercorrendo il suo cammino dalla nascita della passione per la matematica a oggi, Beatrice ha condiviso con noi le emozioni in queste fasi finali della gara:

“La mia passione per la matematica è innata: guardo un esercizio e mi bastano pochi minuti per svolgerlo. In questi anni mi è servito sicuramente lo sprono da parte dei professori che sin da quando ero bambina vedevano in me del potenziale, mi supportavano sempre esortandomi ad andare avanti. La prof.ssa Trentacosti in una delle scorse lezioni ci ha illustrato un esercizio attraverso due metodologie: una più immediata, l’altra invece un po’ più complessa e insidiosa. Ha sollecitato me e altri compagni a fare un tentativo di applicazione e una volta tornata a casa ho provato a svilupparlo: sono riuscita ad ottenere il risultato corretto anche attraverso quel percorso decisamente più difficile. Accanto ai professori, anche i miei genitori hanno saputo darmi quella carica per andare avanti e dare il massimo: non mi hanno mai costretta a fare nulla, hanno sempre aspettato che interessi e passioni sorgessero spontaneamente e così è stato con la matematica. Ad essere sincera, quando ho dato l’adesione per partecipare ai Giochi Matematici del Mediterraneo non avevo grosse aspettative, né grandi ambizioni, probabilmente a causa dell’insicurezza e della tendenza a sottovalutarmi; eppure, da questa esperienza mi porto dietro un insegnamento: mai sottovalutarsi e credere sempre in sé stessi! Mentre io non ci speravo e portavo al termine il test più per una soddisfazione personale che per la gara in sé per sé, la mia posizione in classifica è salita sempre di più, fino al momento in cui mi sono aggiudicata il terzo posto alla Finale di Area. Ero molto emozionata perché non mi aspettavo di arrivare fino in fondo: ho superato due prove a scuola di logica matematica per poi affrontare questa terza prova in finale regionale completamente sola, senza nessuno dei miei compagni, cosa che ha suscitato un po’ di tensione; nonostante gli iniziali timori, è stata una bella soddisfazione per me stessa e per chi mi è stato sempre vicino: vedere lo sguardo colmo di orgoglio e fierezza della prof.ssa Lucchesi e dei miei genitori è stato bellissimo! Adesso attendo il 19 maggio, quando si terrà la Finale Nazionale presso l’Università di Palermo. Sono davvero tanto grata per i traguardi raggiunti finora”.

Recommended Posts