«Together, We Can Change The World!»: i giovani diplomatici all’ONU danno una lezione di concretezza ai grandi del mondo

Il Change the World Model UN New York è il più prestigioso tra tutti gli eventi legati al CWMUN World Program: vi prendono parte più di 3000 studenti provenienti da oltre 142 paesi differenti. Tutti lavorano in qualità di ambasciatori rappresentando gli Stati membri delle Nazioni Unite. L’intervento di ospiti internazionali di primissimo piano della politica e della diplomazia mondiale, fanno del CWMUN di NYC il più prestigioso forum internazionale dove i giovani possono affermare le proprie idee nel costante rispetto delle posizioni e convinzioni altrui. Change the World vuole affermare un modello di sviluppo sostenibile del pianeta fondato sui valori della democrazia e della tolleranza, contribuendo alla formazione consapevole dei leaders di domani.

Anche quest’anno gli studenti dei nostri licei, attraverso la mediazione dell’Associazione Diplomatici in occasione dei PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), hanno avuto la possibilità di vivere questa esperienza unica negli Stati Uniti. Dalle parole di uno di questi ragazzi, Thomas Michael Lugaro che frequenta il IV scientifico, traspare tutta la carica e l’entusiasmo per un’avventura che lascerà importanti tracce nel loro bagaglio formativo e culturale:
“Honorable Chair, Fellow Delegates, the Delegation of the Sultanate of Oman is present.”
Questa è la prima frase che mi hanno insegnato durante le lezioni della Change the World Model United Nations Accademy, visto che avrei dovuto rappresentare l’Oman, un paese confinante con gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar.
Associazione Diplomatici si occupa, da più di 20 anni, di preparare ragazzi di tutto il mondo alle simulazioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU); un’occasione come poche, quella di poter diventare delegati dei diversi paesi del mondo, facendoci immergere dunque nelle diverse culture. A noi ragazzi del Liceo il progetto è stato proposto come PCTO ma questo non esclude che TUTTI possano decidere di partecipare alle attività proposte. La preparazione al CWMUN non è semplice, ogni Delegato ha il compito (insieme ai suoi colleghi di delegazione) di trovare ogni informazione utile riguardo il paese che dovrà rappresentare. Fino al giorno della partenza non riuscivo ancora a realizzare che sarei andato nella Grande Mela, la sede del Quartier Generale delle Nazioni Unite, era un sogno che si realizza dopo anni e anni passati a sperare un giorno di vedere un piccolo pezzo degli United States of America. Conoscevo il progetto CWMUN dalla prima media, quando per la prima volta mi proposero di “diventare” delegato di un paese, in quel momento non accettai a causa della mia scarsa conoscenza dell’inglese, ma quest’anno ho finalmente avuto l’occasione e l’ho colta immediatamente. Durante le lezioni, svolte in modalità On-line, i nostri Tutor ci hanno preparati in maniera eccezionale per affrontare nel miglior modo le simulazioni facendoci entrare propriamente nei nostri “characters”; divisi nei vari dipartimenti delle Nazioni Unite, ognuno di noi ha affrontato temi di assoluta attualità interpretando al meglio le posizioni dei rispettivi paesi.

CWMUN New York permette a tutti di mettersi in gioco, di imparare, di divertirsi e soprattutto di fare amicizie nuove con tutto il mondo; “siamo la community di studenti più grande del mondo” come ci hanno detto alla cerimonia di apertura. Come lo stesso nome già esplicita, il CWMUN è pensato per permettere a noi giovani di “cambiare il mondo”, un modo per far valere le nostre parole, per far sentire le nostre voci anche con la presenza di ospiti speciali come politici italiani e internazionali, stelle dello sport, della musica, dello spettacolo, tutti.

Durante il CWMUN abbiamo la possibilità di essere ascoltati veramente. Si impara molto durante questo evento, non solo a livello Geopolitico: la pazienza è sacrosanta e soprattutto necessaria, durante i debates, che venivano stabiliti dopo la presentazione delle Resolution, eri talmente immerso nel ruolo che difendevi il tuo paese ad ogni costo. E quindi, dopo aver creato nuove amicizie con persone di ogni parte del mondo: “Honorable Chair, Fellow Delegates, the Delegation of Gonzaga Campus Palermo is present and the Delegates of Slovenia have won the prize for the best position paper and an honorable mention for the title of game changer”.

Ci hanno dato l’opportunità di cambiare il mondo
E l’abbiamo fatto, “together, WE CAN CHANGE THE WORLD!”

Recommended Posts